Perché New York è New York

New York Skyline

New York è la città più visitata al mondo. Abbiamo fatto tutti colazione da Tiffany dopo una passeggiata a piedi nudi nel parco, abbiamo aspettato trepidanti sull’Empire State Building l’incontro tra Meg Ryan e Tom Hanks o l’arrivo del re gorilla. Di Manhattan conosciamo tutti gli scorci, e sappiamo a memoria i percorsi della metropolitana senza esserci alzati dal divano. Quindi perché andarci?

arrivando dal parco la città si avvicina lentamente

per vedere la città che si avvicina lentamente arrivando dal parco

il blocco dei grattacieli fa una certa impressione, sembra nascondere chissà quali segreti

il blocco dei grattacieli fa una certa impressione, sembra nascondere chissà quali segreti

improvvisamente eccoli, cominci a camminare con il naso all'insù

per camminare con il naso all’insù, cercando di scorgere la fine dei giganti

 new york skyscrapers

.

uno sguardo dall'alto

per dominarla dall’alto sentendosi i padroni della città

per passeggiare sulla high line, un parco realizzato su una linea in disuso della ferrovia sopraelevata

per passeggiare sulla high line, un parco realizzato su una linea in disuso della ferrovia sopraelevata

per scaldarsi corpo e mente in una storica libreria

per scaldarsi corpo e mente in una storica libreria

per commuoversi leggendo i nomi delle vittime dell'attentato alle due torri al 9/11 memorial

per commuoversi leggendo i nomi delle vittime dell’attentato alle due torri al 9/11 memorial

 twin towers memorial new york

.

per ammirare la Diving Eagle, la scultura dedicata ai caduti della seconda guerra mondiale realizzata da un artista italiano, Albino Manca, situata a Battery Park

per ammirare la Diving Eagle, la scultura dedicata ai caduti della seconda guerra mondiale realizzata da un artista italiano, Albino Manca, situata a Battery Park

per farsi sorprendere da istallazioni temporanee, in questa occasione Bird, una gigantesca scultura composta da chiodi di varie misure posta proprio davanti al Flatiron, realizzata da William Ryman

per farsi sorprendere da istallazioni temporanee, in questa occasione Bird, una gigantesca scultura composta da chiodi di varie misure posta proprio davanti al Flatiron, realizzata da William Ryman

per entrare nel negozio M&M's e farsi inebriare da tutti quei colori

per entrare nel negozio M&M’s e farsi inebriare da tutti quei colori

per un po' di shopping nel quartiere degli artisti

per un po’ di shopping nel quartiere degli artisti

per farsi stordire dalle luci di Time square

per farsi stordire dalle luci di Time square

per incantarsi davanti al murale del bacio più famoso

per stimolare il lato romantico davanti al murale del bacio più famoso

per perdersi in chinatown, tra concertini improvvisati e cibi indecifrabili

per perdersi in Chinatown, tra concertini improvvisati e cibi indecifrabili

 new york downtown street food

.

per concedersi un Martini in un locale segreto ai tempi del proibizionismo, ma ancora oggi difficile da trovare (ma ne vale la pena)

per concedersi un Martini all’Angel’s Share nell’East Village, un locale che era segreto ai tempi del proibizionismo, ma ancora oggi difficile da trovare (ne vale la pena)

o per un drink al Frying Pan, una nave-faro dismessa trasformata in bar, dal quale si gode un'ottima vista, soprattutto al tramonto, soprattutto se c'è il sole

o per un drink al Frying Pan, una nave-faro dismessa trasformata in bar, dalla quale si godono bellissimi tramonti, soprattutto se c’è il sole

per un saluto a John Lennon

per un saluto a John Lennon

per un giro dell'isola in modo da cogliere tutti i vari aspetti

per un giro dell’isola in barca, per riposare le gambe e far correre i pensieri

E per mille altri motivi. Oltre ai classici (musei teatri monumenti) ognuno troverà i propri per aver voglia di tornarci, perché è una città davvero speciale, nel bene e nel male.

 

2 commenti su “Perché New York è New York”

  1. Perchè andarci?! Io ho risposto perchè volevo emozionarmi, come mi sono emozionata davanti a mille film, fotografie e reportage. Volevo vivere in prima persona le bellezze e le contraddizioni di questa megalopoli…e ti dirò mi ha affascinata, ma ci è voluto un po’, e poi mi rapita e conquistata. La cosa strana è che ora, dopo più di due anni dal mio viaggio, la voglia di tornarci cresce sempre più! Buoni viaggi. Monica – I Viaggi di Monique

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.