Kalymnos. Pensavo fosse mare invece era calcare

Sembrerebbe che Ovidio parlasse di Kalymnos come “isola ombrosa”, l’esatto contrario dell’ attuale aspetto, così brullo!

E’ proprio alla ricerca di falesie in ombra che ogni giorno centinaia di arrampicatori sfrecciano impazziti a cavallo di puzzolenti scooter lungo le strade dell’isola.

Da abilissimi pescatori di spugne, i pochi abitanti rimasti si sono trasformati in operatori turistici per accogliere nel migliore dei modi lo sciame di climbers che arrivano qui da tutto il mondo per godersi sole, mare, ottimo pesce ma soprattutto, moltissimo calcare!

L’enorme parco giochi, nato alla fine degli anni ’90 e  in continua espansione, si snoda tra le falesie attorno a Massouri, nella parte occidentale dell’isola, fino a Telendos,  un selvaggio scoglio a pochi minuti di navigazione.

Difficile annoiarsi, Kalymnos offre possibilità davvero per tutti.

Benvenuti anche i perdigiorno e sfaticati: mentre gli altri suderanno sulle famose “tufas” o “canne”, i fannulloni potranno passeggiare attorno alle falesie scattando foto, sfamando golose caprette o perchè no, scendere un “attimo” in spiaggia per una bella nuotata!

strade polverose

strade polverose

.

.

verso Telendos

verso Telendos

Telendos, settore Pescatori

Telendos, settore Pescatori

pescatori

pescatori

presente e passato

presente e passato

tufas Ghost Kitchen

tufas Ghost Kitchen

tufas a Ghost Kitchen

tufas a Ghost Kitchen

arrampicata a Secret Garden

arrampicata a Secret Garden

custode Secret Garden

custode Secret Garden

.

.

Arginonta

Arginonta

Sikati Cave, la spiaggia

Sikati Cave, la spiaggia

verso Emporios, Kalymnos

verso Emporios

vento

vento

Kasteli

Kasteli

.

.

spiaggia dei pirati, Emporios

spiaggia dei pirati, Emporios

Pothia, il porto

Pothia, il porto

tramonto da Panormos

tramonto da Panormos

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.